Home / Assicurazione Auto / Mai Più Risarciti per il Colpo di Frusta

Mai Più Risarciti per il Colpo di Frusta

Addio al colpo di frusta. E’ stato deciso dal recente decreto sulle liberazioni che la compagnia assicuratrice è tenuta al risarcimento di danni fisici solo quando essi sono riscontrabili in maniera oggettiva mediante accertamenti clinici obbiettivi o strumentali.

Patologie come il colpo di frusta non saranno quindi più risarcibili inquanto il danno biologico subito non è dimostrabile da accertamenti e esami medici.

 

Mai Più Risarciti per il Colpo di Frusta

 

A primo impatto può sembrare che questa nuova normativa vada ancora una volta a favorire le compagnie assicuratrici. In realtà è stata ideata per ridurre i costi della polizza assicurativa.

I costi del premio assicurativo come tutti ben sappiamo sono molto alti e questo in buona parte dipende anche da tutte le frodi che vengono puntualmente risarcite. Basti pensare che secondo un rapporto dell’Ania, l’associazione nazionale delle imprese assicuratrici, in Italia ogni anno vengono denunciati circa 500.000 incidenti dove qualcuno riporta i danni del colpo di frusta. Si parla di una media del 23% sugli incidenti complessivi contro una media del 10% a livello europeo.

Tempi duri quindi per gli automobilisti disonesti e qualche speranza di vedere il prezzo della propria polizza assicurativa scendere per la gente onesta.

Ma il decreto sulle liberazioni, in ambito assicurativo, prevede ulteriori novità. Oltre alla già citata rimozione del danno biologico lieve non dimostrabile vi sarà la creazione di una banca dati composta da testimoni e danneggiati e delle pene maggiori per coloro che vengono scoperti nell’intento di falsificare i tagliandi assicurativi.